Enzima lipasi in vendita (numero CAS: 9001-62-1)

Lipasi

Vuoi comprare Lipase enzyme all’ingrosso? Enzymes.bio è un fornitore all’ingrosso di enzimi a prezzi competitivi. Come produttore, offriamo una varietà di prodotti enzimatici..

DESCRIZIONE

Lipasi (numero CAS: 9001-62-1) utilizzati per il industria della cottura sono entrambi realizzati con il miglior ceppo attraverso la fermentazione sommersa e tecnica di estrazione.

  • LIP100
    Un enzima specifico che digerisce il grasso e si caratterizza per la sua capacità di idrolizzare il grasso in un’ampia gamma di temperature e pH. È efficace nel regolare il livello di colesterolo e trigliceridi ed è anche utile nei diversi regimi alimentari per la gestione del peso.
  • LIP400
    Può migliorare la proporzione di lipidi polari e non polari nella farina, e sono stati ottenuti più prodotti di idrolisi polare rispetto a quelli della farina non trattata dalla lipasi, che svolge un ruolo critico nel migliorare la stabilità dell’impasto e la capacità di tenuta del gas. Gli effetti sono simili a quelli degli emulsionanti.

CARATTERISTICHE

ArticoliLIP100LIP400
Aspetto fisicoPolvere da marrone chiaro a marronePolvere da grigio a giallo chiaro
Codice CE3.1.1.33.1.1.4
TipoTriacilgliceroloFosfolipasi
pH4.5-9.55.0-8.5
Temperatura40-65℃35-60℃

FUNZIONE

LIP100

  • Promuovere l’estensibilità della pasta;
  • Migliorare la struttura reticolare del glutine;
  • Aumentare efficacemente la luminosità dei panini al vapore.

LIP400

  • Sostituto dell’emulsionante;
  • Aumenta la tolleranza di manipolazione meccanica dell’impasto e la stabilità;
  • Aumenta il volume della pagnotta;
  • Migliora la finezza della mollica.

USO

Campo di applicazione

Adatto per la macinazione della farina e per l’ammendamento della farina di pane.

Dosaggio raccomandato

  • LIP100: 5ppm~30ppm (0.5-3.0g/100kg di farina)
  • LIP400: 10ppm~30ppm (1.0-3.0g/100kg di farina)
  • Il dosaggio ottimale è confermato dalla natura della farina e dall’esperimento di cottura.

Metodo di applicazione

Aggiungerli direttamente nella farina o aggiungerli insieme alla farina dopo averli mescolati con altri dosaggi.

CONFEZIONE

20kg /barile

CONSERVAZIONE

Trasportare e conservare in luogo fresco e asciutto ed evitare l’esposizione diretta alla luce del sole o all’umidità. Immagazzinato al di sotto di 25℃ nella confezione originale sigillata, l’attività dell’enzima solido rimane stabile per un periodo fino a 24 mesi. La durata di conservazione può essere prolungata se conservato a 5℃.

Ulteriori informazioni sui lipasi

  • Specifiche lipasi migliorerebbero le proprietà di manipolazione dell’impasto, la forza e la stabilità dell’impasto, la lavorabilità a macchina dell’impasto e la molla del forno.
  • Inoltre migliora la struttura delle briciole e il biancore.
  • Si sostiene che l’uso in forno sia un’alternativa ai potenziatori e agli emulsionanti chimici dell’impasto.
  • Le lipasi aumentano anche la pressione superficiale delle celle a combustibile, con conseguente migliore distribuzione delle celle a combustibile più piccole e meglio tollerate.
  • Il risultato è una struttura a briciole più fine e setosa, un colore otticamente più bianco, migliori proprietà di manipolazione dell’impasto e un maggiore volume del pane.
  • Le lipasi appartengono alla famiglia delle idrolasi che agiscono sui legami degli esteri dell’acido carbossilico.
  • Un gran numero di microrganismi sono in grado di utilizzare oli e grassi naturali come fonte di carbonio per la loro crescita.
  • Gli enzimi responsabili della scomposizione di oli e grassi prima che vengano digeriti dai microrganismi sono lipasi extracellulari, che catalizzano l’idrolisi degli acidi grassi liberi, dei digliceridi parziali e dei gliceroli. trịglycerides tö acidi grassi liberi, digliceridi parziali e gliceroli.
  • Le lipasi catalizzano l’esterificazione, l’acidolisi, l’alcalolisi, l’amminolisi oltre all’attività idrolitica sui trigliceridi.
  • Ha una bassa specificità del substrato, cioè la capacità di idrolizzare grassi di diversa composizione; la capacità di resistere a condizioni di lavaggio relativamente difficili (pH 10-11, 30-60C); e la capacità di resistere a tensioattivi ed enzimi dannosi, ad esempio alchilbenzene solfonati lineari (LAS) e proteasi.
  • Negli eucarioti, le lipasi sono coinvolte in vari stadi del metabolismo dei lipidi, tra cui la digestione, l’assorbimento, la ricostituzione e il metabolismo delle lipoproteine.
  • Nelle piante, si trovano nei tessuti di riserva di energia di tutte le formulazioni di detergenti.
  • Le lipasi che sono state studiate mostrano una profonda stabilità intorno al pH 6,0 – 7,5
Save & Share Cart
Your Shopping Cart will be saved and you'll be given a link. You, or anyone with the link, can use it to retrieve your Cart at any time.
Back Save & Share Cart
Your Shopping Cart will be saved with Product pictures and information, and Cart Totals. Then send it to yourself, or a friend, with a link to retrieve it at any time.
Your cart email sent successfully :)

Torna su